Visualizzazione post con etichetta Moto Corse. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Moto Corse. Mostra tutti i post

venerdì 21 settembre 2012

MV Agusta F4-SC 1000 by Moto Corse























Foto: Moto Corse

mercoledì 29 dicembre 2010

MV Agusta Brutale 910 GP by Moto Corse

La MV Agusta Brutale, come ben sapete, è stata più volte insignita del titolo di "moto più bella" da vari concorsi indetti da riviste del settore e non, ed è innegabile che le molteplici edizioni limitate create negli anni, caratterizzate da colorazioni e particolari ancora più ricercati, abbiano accresciuto il suo già elevato prestigio.
In ordine cronologico le ultime versioni in serie limitata allestite sulla versione R della naked di Varese e commercializzate nel 2008, erano denominate rispettivamente "Hydrogen" e "Wally".

MV Agusta Brutale 910 R Hydrogen 2007:


MV Agusta Brutale 910 R Wally 2008:


Proprio su questa ultima versione prodotta in numeri limitati la Moto Corse, atelier nipponico di cui avete già avuto modo di constatare sia eccellente maestria nella preparazione dei propulsori sia nella realizzazione di componenti in titanio, ha allestito la sua ultima special denominata "910 GP".

La parte del leone di questa "Wally special" spetta allo straordinario impianto di scarico completo, interamente realizzato in titanio e denominato "Grand-Prix Evoluzione", che oltre ad essere considerato al pari di una vera e propria opera d'arte, cambia anche il tipico look della Brutale dominato lateralmente dal doppio terminale alto.
Pensate che il risparmio in termini di peso del "Grand-Prix Evoluzione" è a dir poco eccezionale: 3,8 Kg contro i 10,5 kg dell'originale!

Un altro elemento degno di nota è lo splendido avantreno dominato sia dall'imponente forcella Ohlins con serbatoio d'azoto separato e con fresatura sulle canne, e sia dal sistema frenante che prevede pinze Brembo "monoblocco" e dischi freno Alth. Volevo cogliere la vostra attenzione anche su altri particolari quali il monoammortizzatore Ohlins posteriore, le nuove piastre del telaio, la nuova colorazione "flake" del traliccio, del telaietto reggisella e dei cerchi Marchesini, e gli innumerevoli accessori di carbonio e titanio prodotti dalla Moto Corse.

Una realizzazione da urlo!

Francè

PS: Ringrazio Davide della Moto Corse per l'invio di alcune foto da me ridimensionate.













Foto: Moto Corse Japan e dailymoto.it 

Da Racing Cafè del 1/2/2010

lunedì 29 novembre 2010

Ducati Monster 1100 Titanium by Moto Corse

La Moto Corse, azienda specializzata nella produzione di parti speciali e di special su base Ducati, Bimota e Mv Agusta, ha realizzato un altro capolavoro che ha come base di partenza la nuova Ducati Monster 1100 presentata nel 2009.
Come tutte le realizzazioni di questo famoso atelier italo-giapponese, anche questa bicilindrica italiana può essere considerata un vero e proprio "catalogo marciante" nel quale poter osservare pezzi speciali di incredibile valore ed esecuzione, che hanno come obiettivo il miglioramento dell'estetica, delle prestazioni e la riduzione di peso. Pensate che sono state sostituite oltre 60 componenti standard!

Tra i prestigiosi componenti che equipaggiano questa Ducati spicca il bellissimo impianto di scarico (da 54 mm di diametro) denominato Moto Corse Evoluzione, realizzato interamente in titanio e gestito da una centralina dedicata. Con solo questo scarico il pompone italiano è in grado di passare dai circa 95 cv e 103 Nm di coppia ai più sostanziosi valori di 112 cv e 113 Nm.

Dal punto di vista ciclistico questa special mi ha stupito per l'adozione di particolari dischi in materiale composito-ceramico da 320 mm marchiati Sicom, morsi da pinze Brembo Racing con interasse di 108 mm (e pistoni in titanio P4 32/36) e montate su attacchi radiali Moto Corse ricavati dal pieno, di 43 mm di diametro.
Degni di nota sono anche le sospensioni Ohlins, i cerchi Marchesini in alluminio forgiato, la frizione antisaltellamento, la viteria in titanio, molteplici componenti in carbonio e le pedane regolabili Moto Corse.
Pensate che tutti questi accessori hanno permesso di ridurre di ben 12 Kg il peso della moto, sceso a soli 156 kg!

La Moto Corse propone due livelli di personalizzazione: un kit completo denominato “Kit One Full Upgrade” che comprende tutta la componentistica di oltre 80 parti, oppure una versione “Kit Two Standard Upgrade” composta da 7 parti speciali.
In entrambi i kit è prevista la verniciatura integrale della moto e il montaggio dei componenti da parte dei tecnici specializzati Moto Corse.

Bellissima!

Francè


PS: Se siete interessati alle parti speciali di questa azienda sappiate che la Moto Corse ha appena messo in vendita il kit di pedane ricavate dal pieno e realizzate in Anticorodal presenti sulla Titanium 1100 del post e disponibili per tutte le versioni (696/796/1100) della bilicilindrica di Borgo Panigale.
Questi componenti, che potete osservare nelle ultime foto in basso, oltre ad essere completamente regolabili (grazie ad un sistema ad eccentrico) consentono, nella configurazione monoposto, un risparmio di peso rispetto alle pedane originali di circa 2 Kg!











Foto: Moto Corse

Da Racing Cafè del 10/5/2010

sabato 27 novembre 2010

Ducati PS-C 1000 by Moto Corse

In genere sono sempre molto selettivo quando osservo special basate su moto a tiratura limitata. Questo avviene perchè le realizzazioni prodotte in quantitativi ridotti e vendute a prezzi elevati, non solo hanno già a disposizione componenti di altissimo livello che non giustificano una spesa extra, ma hanno, secondo me, "l'obbligo" di essere conservate originali per non intaccare un'eventuale super-quotazione anni dopo.
Talvolta queste considerazioni passano in secondo piano, come nel caso della special che vi presento, basata sulla Ducati Paul Smart 1000 e realizzata dalla italo-giapponese Moto Corse.

Questa bicilindrica (foto sotto), prodotta in tiratura limitata (2000 esemplari) e disegnata da Pierre Terblanche, era un tributo della casa di Borgo Panigale a Paul Smart e alla sua 750 SS, vincitori della 200 Miglia di Imola nel 1972.
Il prezzo di 14.500 euro era giustificato solo in parte dalle sospensioni Ohlins di primo equipaggiamento e da una serie di particolari più pregiati rispetto alle sorelle della famiglia Sport Classic, che condividevano con la Paul Smart gran parte della componentistica e il motore.

La Moto Corse ha rivisto questo modello della Ducati evolvendolo in chiave racing e dotandolo di una serie di parti speciali provenienti dal suo ricchissimo catalogo. Si spazia dal bellissimo scarico sdoppiato interamente in titanio (catalizzato) della serie Evoluzione ai pregiati cerchi Marchesini, passando per il plexiglass del cupolino con una splendida finitura superficiale al titanio.

La forcella a steli rovesciati della Ohlins ha subito un trattamento al nitruro di titanio degli steli (non presente sul modello di serie) e l'adozione di "piedini" Moto Corse che hanno consentito l'installazione di pinze monoblocco Brembo. I dischi freno, come tutte le special di questo atelier giapponese, sono della Alth.
Oltre a questi pregiati componenti, ci sono moltissimi altri accessori (in vendita) che vi invito ad osservare nello spazio che la Moto Corse ha dedicato a questa Ducati sul suo sito.
Di gusto la colorazione bicolore, l'idea di inserire gli stickers degli "sponsor tecnici" sulla parte inferiore della semicarenatura in modo poco vistoso e la pregiata sella in alcantara.

Il bicilindrico desmo non è rimasto originale ma è stato elaborato: ha ricevuto una frizione dell'italiana STM, e soprattutto l'adozione di pistoni racing prodotti dalla Pistal Racing che hanno incrementato il rapporto di compressione.

L'idea di "modernizzare" moto di periodi precedenti o attuali ma dall'aspetto vintage incontra, come avrete notato, i miei gusti e questa PS-C 1000 della Moto Corse ne è davvero uno splendido esempio. Dato che la moto è in vendita si potrebbe importare qualche esemplare anche solo per vedere la reazione del mercato...

Francè


Ducati 750 SS Smart Imola 1972:


Ducati Paul Smart 1000 LE 2006:


Ducati PS-C 1000:





















Foto : Bikewalls e Moto Corse Japan

Da Racing Cafè del 2/4/2009
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...